Home > questioni private > Inserire una moneta per leggere queste righe

Inserire una moneta per leggere queste righe

In alcuni periodi capita di riflettere molto, nel senso di non pensare a nulla, svuotandosi per fare spazio al peso dei pensieri che verranno. Non attivare la mente e riempire l’ordine cognitivo di altre cose da mettere in fila, passi da compiere uno avanti all’altro, punti da raggiungere, percorsi da completare. Lì fuori esiste questa possibilità. In tal modo si smette di riflettere sul contributo che si può dare al mondo e che il mondo assolutissimamente non vuole. Si arresta il rovello che si sofferma sulla semplicità della risposta che ci si ostina a non accettare. Si arresta l’attenzione solita al richiamo della campanella che suona insistentemente per segnalare l’inizio del secondo tempo. Applausi.

Ho visto lune blu affogare in case d’acqua e ho visto uova candide ballare su flutti d’acqua paranoica. Non cambia nulla, si svanisce comunque, magari con lo stupore soddisfatto che dipinge la bellezza, ma si scompare anche in luoghi che sono sogni e sono memorie, suggestioni che muoiono nelle palpebre e nuove linee da tracciare su carte geografiche immature. È come ampliare a dismisura il passato a scapito del futuro. Poi ti manca tutto, ti manca ciò che hai visto – e che quindi ha smesso di essere una scoperta – e quello che non vedrai, ti mancano le prospettive diagonali ma anche gli sguardi miopi e provinciali che di solito opprimono. Manca l’assoluto universale e manca il particolare insignificante. Mancano le assenze e le presenze. Manca poco al sonno e manca un posto che sia capace di accoglierci e non scacciarci. Mettiti in posa e sarai im-morta-lato, per sempre. Tutti!, non vi sento.

L’accerchiamento della normalità non ha scampo, orde latranti assetate di diversità da cancellare mentre si accalcano negli stessi punti per osservare gli stessi panorami. Lasciatemi solo, l’orrore del riconoscimento e l’orrido del disconoscimento. Se voi esisteste sareste sfregi della realtà, tele dipinte in mesi di dettagli maniacali e poi buttate nel rogo della comprensione grossolana. Un peccato ma, per fortuna, voi non esistete. Se tutto non fosse caduta, se tutto non fosse perdita… Se la solitudine non fosse così quintessenziale saremo eroi fatui in un pianeta da conquistare e santi seduttori di una fede di inganno reciproco in rappresentazioni profane. Le lacrime sono solo acqua, come gli oceani, come la pioggia, come cosa da poco ma essenziale, un’inezia che arriva e scompare. Questo il senso dell’intervallo. Dopo, resta solo la consapevolezza dei particolari che spiccano in un quadro enorme e sfocato. La punteggiatura non è un accessorio e non è contrattabile, come il tempo e le scelte. Grazie a tutti.

Isole finitime, odio e amore, disprezzo e ammirazione, l’inferno è solo un attico del paradiso, l’entusiasmo è il lato liberato della depressione. Le opere monumentali cadranno in rovina e ogni organismo della biosfera consumerà il proprio ciclo vitale fino al marcimento e al dissolvimento completo. Non c’è uscita perché ogni purezza è solo relativa come un sistema di valori e come la capacità di accettare la finitezza, l’inappagamento e l’anonimato. I diamanti si classificano con gradi di impurità. Poi viene il fiatone per lo splendore e la teca dove ammirare l’incredibile brillantezza, certo, e la trasparenza assoluta. O quasi. Hai dentro un cielo opalescente che irradia l’orizzonte ma che si accende solo quando inserisci la monetina da 20 centesimi. Il resto è solo antimateria.

Indice di leggibilità: 57

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: