Home > questioni private > Istantanee di un disadattato

Istantanee di un disadattato

Così tanto sonno che non importa di morire. Esserci quando non c’è nessuno per cercare di sfuggire alla cortina fumogena delle parole e figurarsi di fronte solo l’infinito spazio siderale per riuscire a farla finita con il giudizio implacabile in forma di mal di stomaco. Ogni giro la tensione si rafforza nel disgusto sempre più radicato. E’ tanto vuoto da fare girare la testa, assolutamente alienante. Una trappola sotto forma di discorso che sempre schiaffeggiarti fino a farti boccheggiare di ansia. Una vertigine da seduto. Aria, c’è bisogno di aria. Potresti devastare tutto questo ma non servirebbe, bisogna ingoiare di fronte a una sconfitta verbale inevitabile.

Puoi chiudere fuori il mondo ma prima o poi qualcuno verrà a chiedere il conto, a darti la paga inchiodandoti alle tue immonde responsabilità da disadattato. Rifugiandosi in uno squallido privato, tenendosi impegnati con fantasmi personali, ancorati con le unghie nel legno del casino emotivo di una singola anima mentre fuori infuria la tempesta per milioni di fiamme urlanti. E poi ricadere casualmente in Kevin Carter e nell’assurdo di quesiti morali così totali da schiacciare chiunque tranne che la sagome di plastiche inglobate nella pelle liscia. Fuoco, c’è bisogno di fuoco.

Ognuno deve cercare colpe personali per punirsi dei crimini che vede ogni giorno, inventarsi scuse per disprezzarsi. Odiare gli altri per non essere costretto a odiare completamente se stesso. Piace sentirsi pericolosi e ringhianti mentre si è solo cuccioli con la catena corta mentre i criteri di prossimità giornalistici modulano un Orrore soft & fluo umano intervallato tra spot e meteo. Salvezza, c’è bisogno di salvezza. La pietà è tracollata sui mercati mondiali e si vende a poco e si compra a quasi niente. Probabilmente l’etica è la malattia infantile degli sfigati e queste sono sole scuse di una paranoia sempre più marcata.

Ma tant’è, cosa conta cosa scrivo io quando quella fotografia rimarrà per sempre nella tua inutile testa di cazzo? O almeno in qualche anfratto di un inconscio intonso. Puoi raccogliere i frammenti, collezionare bombe inesplose, filmare i mausolei, portare corone di fiori e spine alle ricorrenze ma alla fine dovrai impugnare la macchina fotografica e immortalare il monumento della tua stessa indifferenza. Io credo che non mi ammalerò mai della sindrome di Kwashiorkor e la mia misantropia giornaliera in confronto è l’acqua di rosa che mi fa vomitare su me stesso, patetico e petulante, incapace di accettare la società e di cambiarla. Un’epidemia, c’è bisogno di un’epidemia.

Forse una testimonianza può cambiare il mondo, tu la conosci la capitale del Sudan?

Clic, clic, clic.

Indice di leggibilità: 54

Advertisements
  1. 28 agosto 2010 alle 13:16

    ..a parte il fatto che “salvezza” comincia ad essere un termine un pò troppo gettonato, nonchè leggenda metropolitana, la foto suscita rabbia. Quello che c’è scritto nella foto suscita rabbia. E anche quello che scrivi tu, suscita rabbia.
    E viene voglia di darti uno schiaffo e urlare. Questo è. E non è male.
    Potrei passare oltre, ma non ce la faccio proprio a stare zitta. Poi “vedere” se leggi sarai contagiato.. mi fa sorridere. Ci vorrebbe un’epidemia, già.
    E sorrido, davvero.

    • 28 agosto 2010 alle 18:39

      Io non so adattarmi nè ai sorrisi, nè agli schiaffi, nè a niente altro. L’epidemia almeno in me è in corso e K.C. è morto per i miei peccati non per quelli di qualcun altro.
      Visto che sorridi… clic.

  1. 9 ottobre 2010 alle 15:11
  2. 11 dicembre 2010 alle 18:49

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: