Home > questioni private > Divagazioni concentriche (la geometria del non senso)

Divagazioni concentriche (la geometria del non senso)

Quante contraddizioni adesso che tutto è distrutto ma insieme è fiorito. Nessun ringraziamento, uno è poco, due troppi per i soliti toni drammatici o patetici, sempre la stessa volontà di rivalsa verso un mondo assurdo ma, almeno per questo, innocente.

Un irripetibile nella gabbia dell’incomunicabile, nudo sotto la spessa armatura del carapace del senso perduto. Uno stupido con lampi di intelletto persi in labirinti simmetrici alle parole. Vicino al nocciolo divaghiamo, in cerchi concentrici che perdono vieppiù senso. Sono i ripples multicolori del post sasso nello stagno. Un esodo folle perchè umano, una fuga necessaria da un significato che sarebbe comunque solo sfiorato senza amore.

Ho un distintivo che brilla al buio e una catena che mi squarcia il petto ed esige un continuo tributo di apatia come antidoto al dissanguamento. Emofilia di attimi in ragionamenti tronchi e in racconti incastrati di crasi. Sono i casi di un non-comunicatore militante che ripugna tutto quello che bramava. Ora i cerchi quadrano, rinunciano all’identità per trovare una posizione. Ugualmente i ciechi cadono, poi tacciono – “chiudi quella cazzo di bocca” – sorridono allo schermo. Come infermi in spirale, come polemiche ingestibili.

Mente sgombra e pagine bianche, membra sparse a timor al calor bianco. Un’attesa senza interpolazioni del cuore, creando falsificazioni generose con in vinti e crudeli per i vincitori. Perchè tutto il detto è in corsa fuori di me e non basta perchè la radice velenosa non vuole essere estirpata. C’era il sapore del frutto condannato, c’era il dolce della colpa innocente, un groviglio di veleni zuccherati, una matassa inestricabili di serpenti asessuati disposti in vertigini di piramidi mentali. Era chiaro, lo è ancor di più ora, “punto di partenza, punto di partenza” appunta la coscienza mai doma mentre osserva annoiata, ancora, le parole. Parole come estrazioni dentali, come astrazioni orientali, come estrazioni dei giochi aleatori

Nessuno riesce a capire, perchè dovrei io?

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. 23 giugno 2010 alle 17:23
  2. 30 luglio 2010 alle 18:47

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: