Home > questioni private > Modi complicati per (non) declamare refusi mentali

Modi complicati per (non) declamare refusi mentali

12 novembre 2009

Photocredit: Sabasan

Ecco l’autore, l’interprete (grazie!) e la macchina.
Ecco la voce dell’insofferenza per sperimentare il ridicolo e lo straniarsi dei significati. Tastare il baratro tra il vissuto mentale e la recita vocale.
Come una radio di vibrazioni ostili, come da ogni radio in cui lo speaker parla a nessuno, ma parla e non vuole risposta. Concetto, parola, suono, immagine… cadere vuol dire seguire:

Podcast: Modi complicati per (non) declamare refusi mentali

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: