Home > comunicazione > Esserci, ringraziare, scalciare (Opera omnia XI)

Esserci, ringraziare, scalciare (Opera omnia XI)

Continua da Guerra nella pace con i lettori (Opera omnia X)

14. Esserci per esserci o non esserci per esistere?

Ispirazione, dov’è?
Cosa altro conta stasera?
L’orizzonte è ristretto. Mi basta una canzone e i miei pensieri per non sentirmi solo. Almeno non più di quanto riesca a sopportare.
Pensieri che si ripresentano come gli uccelli migratori, a branchi. Ciclici. Cerchi di ignorarli ma quando finisce la giornata, finiscono anche le scuse per non ascoltarli.

E il fatto che quando ho qualcosa da dire divento prolisso e appassionato e mi piace scrivere. Anzi mi piaccio. Troppo. E questo è un male.
E anche se so come dovrei scrivere per essere più preciso, più scorrevole, più lucido, non mi va proprio. Se la mia mente ragiona contorta cosa posso farci? Mi sento caratterizzato da tutti i miei palesi difetti narrativi.
Ma a volte nella mia fortezza di solitudine mi deprimo e mi passa la voglia di scrivere. Mi sento così vuoto che mi mancano le parole vuote. L’altrui cattiveria mi annienta. L’inutilità della lotta per affermare parole piene sembra una fatica disperata e senza senso.
Sono maree. Di solito poi basta un’intuizione, una canzone, un commento stimolante e si aprono le cataratte dell’espressione. Ma sarà sempre così?
Ma sopratutto c’è un senso, un’utilità, un fine che non sia la insopportabile volontà di esserci e riuscire contemporaneamente scordarsi di esistere?

La mia solitudine la sento nell’istante stesso in cui stabilisco le più forti relazioni con gli esseri umani, col mondo” (Anais Nin – Diario)

15. Prego

Comunque grazie.
In ogni caso prego.
A tutti i vostri grazie, quelli che ci sono stati, a quelli che ci saranno. Al grazie ovunque e comunque.
Ai grazie che vi dirò.
Prego, anzi grazie per assolvere al dovere di gratitudine verso chi decide di impegnare parte del suo tempo a leggerti e a provare a comprenderti. Grazie a chi si applica per filtrare le parole piene da quelle vuote.
Grazie a quelli che leggo e mi ispirano. Grazie a chi mi stupisce. Grazie a chi si esprime. Grazie a chi non si tira indietro e a chi rischia di suo.
A tutti gli altri, no.

La depressione diventa un diritto, quando uno si guarda attorno e non vede niente o nessuno che lo ispiri. Quando il mondo sembra scivolare in una gara di ottusità e di grettezza materialista. Non ci sono più ideali, non ci sono più fedi, non ci sono più sogni” (Tiziano Terzani – Un indovino mi disse)

Piano dell’operetta:

Opera omnia (20 frammenti sulle parole) Opera omnia I 20 maggio
Tempestare il mondo di parole Opera omnia II 22 maggio
Testimoniare un mondo vuoto di parole
Opera omnia III 25 maggio
Narratori di un mondo sprecato
Opera omnia IV 7 maggio
La semina della mistificazione
Opera omnia V 29 maggio
Sintesi sul filo del rasoio
Opera omnia VI 3 giugno
La suadenza nella sterilità
Opera omnia VII 5 giugno
Varcare la sottile linea difensiva dell’integrità
Opera omnia VIII 9 giugno
La soma dello sconforto
Opera omnia IX 11 giugno
Guerra nella pace con i lettori
Opera omnia X 15 giugno
Esserci, ringraziare, scalciare Opera omnia XI 17 giugno
Di prossima pubblicazione

Taci! L’amico ti legge

Opera omnia XII

19 giugno ore 6.00

L’estremità della coda della lucertola

Opera omnia XIII

23 giugno ore 6.00

Finalmente le parole sono vuote

Opera omnia XIV

26 giugno ore 6.00
Annunci
Categorie:comunicazione Tag:
  1. 17 giugno 2009 alle 09:19

    E’ un bene se sei depresso che tu ti piaccia mentre scrivi … è un male se fa parte della fase di transizione tra una crisi depressiva e l’altra … per non rischiare -ormai conosci le mie competenze farmaceutiche- passa da me e sbriciolati un pò di sfondo. Offre la casa.

    La parte finale è un dare il bastone e la carota, un pò a te e attraverso te anche a noi. E ce lo meritiamo, sia l’uno che l’altro … dipende ovviamente da dove vorresti metterci, e il bastone, e la carota. *__*

    Terzani: “io sono un pedofilo, un assassino, un criminale, ecc …” Perchè quando lo dice Freud sembra il vaneggio di un cocainomane? … uhm … forse ho scelto la tossicodipendenza sbagliata per difenderlo. O__O

  2. 17 giugno 2009 alle 10:59

    Non posso che dirti: “GRAZIE” :-d

    Secondo me, sei pronto per fare il romanziere, ne hai le capacità linguistiche, l’immaginazione, ma non so se ne hai anche la determinazione. Cercala in te stesso, potrebbe essere una cura e nello stesso tempo regalare a te stesso e agli altri un manufatto che doni piacere, il piacere di leggere e di essere letto. Compiacersi della propria scrittura lo trovo del tutto lecito, narcisistico nella norma: volersi bene, in fondo, è la chiave per volere bene anche agli altri.

  3. 17 giugno 2009 alle 12:21

    Sei pungente qui lo sai?
    Bello, ma pungente.

  4. 17 giugno 2009 alle 13:16

    Prego. Io sono una di quelli che ci sono stati e che ci sono ancora anche se non commento più. Mi riesce molto difficile ultimamente…boh, dipende dalla mia ottusità sicuramente.Però mi sforzo di capirti, eh!
    A onor del vero preferisco seguire “un essere chiamato Progvolution”. Lì i pensieri espressi sono più comprenbili alla mia piccola capacità d’intendere.
    Buona giornata

  5. 17 giugno 2009 alle 17:05

    Un giorno li ringrazierò,
    credo, anchio ,
    questi fantasmi , per essersi serviti di me. per aver dato senso ad un Cuore.. battito dopo battito
    beat after beat
    quel giorno spazio e tempo si troveranno congiunti in un unico luogo e attimo ..

    ( -sul’ ispirazione
    la penso come te
    ma non voglio deprimermi
    prima delle otto di sera :))

  6. 17 giugno 2009 alle 17:06

    ps
    il computer rende un po ” maniaci depressivi ” ;))

  7. 17 giugno 2009 alle 17:13

    L’ispirazione è una nuvola cui assegnare ad ogni momento, come credi meglio, il nome che vuoi, la forma che più assomiglia a quel qualcosa, la storia che potrà essere, o che è stata o che, diversamente principia ad essere.

  8. 17 giugno 2009 alle 17:49

    Ma perchè ti poni questi problemi, questa ricerca quasi di perfezione, tra umiltà e superbia?
    Cazzo, scrivi bene anzi di più! Si, a volte non comprendo perfettamente dove vuoi andare a parare…ma lo intuisco o ci arrivo rileggendoti. Io non ritorno così spesso in posto se non mi piace e non mi stimola…e ti assicuro che tu stimoli eccome!

    Certo parlo per me, non sono la portavoce di nessuno…e non faccio sfoggio di vocaboli, termini e pippe mentali. Io amo la semplicità o le persone semplicemente contorte come te! Aborro solo i falsi e le false pseudointellettuali.

    Ora fanculizzami pure!

  9. 17 giugno 2009 alle 18:05

    …io ti leggo volentieri..perciò continua a scrivere!Ciao

  10. 17 giugno 2009 alle 18:06

    x sytry82
    solo le tue abili cure possono salvarmi!

    x Vincenzo
    non c’è la determinazione e, sopratutto, non c’è il contenuto. Ormai mi sento padrone di parole vuote. Nessun contenuto.
    Comunque ecco per te uno dei grazie che volevo spendere

    x Le Favà
    allora è buon inizio

    x Angelo
    certo che il tumblr è più comprensibile, sono pensieri non miei!

    x lefty
    falli aspettare, prima fai scorrere più battiti possibili
    ps: pc? odi et amo!

    x Saamaya
    davanti a me vedo un cielo sereno come non mai!

    x Nicole
    Mi pongo certi problemi perchè sono un essere strano, che si arrovella sulle cose. Quando mi è passato in testa che mi sentivo saturo del blog mi sono chiesto perchè e ho cominciato a scrivere e argomento su argomento è cresciuta questa opera omnia che ormai odio con tutto il cuore e che non vedo l’ora finisca!
    La tua stima come quelli di altri rientra in uno dei punti già trattati… e non so più come…insomma, conta e non conta, mi soddisfa e, insieme, mi lascia insoddisfatto… un ossimoro che certo i miei sproloqui sulle parole non risolveranno. La verità l’hai detta tu al punto X “neanche con tutta la buona volontà mai fino in fondo” solo che ormai i post sono programmati e bisogna arrivare al fondo, al punto 20 dove non ci sono risposte per voi ma dove tutto nasce per me…
    La mia contorsione semplice assomiglia più all’oscurità che alla profondità…

  11. 17 giugno 2009 alle 18:07

    x Upupa
    un altro grazie, per te

  12. 17 giugno 2009 alle 19:13

    Grazie Prog, ho imparato tanto. Con amicizia, gio

  13. 17 giugno 2009 alle 19:31

    Esserci in qualsiasi modo però essendo consapevoli di esserci…
    grazie che mi fai sentire consapevole di esserci…perchè la vita corre troppo veloce ed a volte scioccamente …questi spazi sono utili e direi ….quasi indispensabili a volte.
    Vania

  14. 17 giugno 2009 alle 20:22

    perchè,se posso chiedere, dai tanta colpa all’altrui cattiveria e gli dai l’importanza che ritengo non meriti affatto? sempre che tu ne sia convinto cosa di cui dubito,perchè ti ritengo più intelligente di così…forse non so spiegarmi come vorrei ma qualcosa mi dice che capirai cosa intendo dire.:-)
    grazie lo ricevi anche tu,in mille modi e anche nella semplice parola che ti scrivo.
    ti lascio un sorriso in più ,ritrova presto i tuoi e diffondili dal cuore agli occhi alle parole e la vita la sentirai bella per te stesso davvero.
    un abbraccio.

  15. 17 giugno 2009 alle 20:27

    L’avevo capito! So ancora leggere…
    saluti

  16. 17 giugno 2009 alle 20:41

    x Mente e Vania
    oggi distribuisco grazie…

    x Aglaia
    io vorrei essere talmente forte da riuscire a soprassedere sulla cattiveria ma spesso non ci riesco e, purtroppo, è un elemento dannatamente presente nell’aria.
    E’ un limite io non lo nascondo mai

    x Angelo
    appunto sai leggere e preferisci le citazioni di grandi del pensiero a quello che scrivo, più che giusto e scontato visto che sono contorto e privo di contenuti

  17. 17 giugno 2009 alle 21:57

    ok gli farò aspettare 🙂

  18. rom
    18 giugno 2009 alle 07:55

    Da quando hai cominciato con questa “cosa” dell’opera omnia, non sono riuscito più a scriverti niente – ecco, oggi accade, chissà perché.
    Non ho mai capito cosa è, la “cosa”.
    Aspetto che finisca, forse, per capire; ma se è omnia, non finisce mai – è così? questo, almeno, l’ho capito? che non capirò mai, visto che per capire dovrebbe finire, e invece è infinibile? – allora hai fatto bene, a fare quello che hai fatto anche se non so cos’è: mi hai indicato l’illusione di poterti capire – posso leggere, questo sì, quello che scrivi, partecipare, ma capire no: si capiscono solo le cose che finiscono – fossi anche infinito, nel capire: non ricordo la matematica degli insiemi, ma mi sa che un infinito comunque non può contenere un altro infinito, può solo leggerne una parte, da là a là, ma c’è un prima di là e un dopo di là che restano fuori, al di là – anche del bene e del male, ovvio. 🙂

  19. 18 giugno 2009 alle 10:03

    Parli spesso di ‘parole vuote’, di mancanza di ‘significato’ dei tuoi scritti. Come se avessero un confezione di lusso ma dentro il pacco niente. Non capisco se lo dici per falsa modestia o lo pensi veramente. Ti assicuro che sono saturi di significato e molto interessanti da interpretare per chi non ti conosce fisicamente.E comunque vanno ben oltre il soggettivo. Spero solo che alla lunga non ti stanchi per davvero. Sarebbe un peccato.
    C’è un’altra cosa che mi sfugge : quando fai spesso riferimento alla cattiveria altrui, parli in genere o è indirizzato al mondo blog?
    In tutti i casi hai una sensibilità tutta tua decisamente ‘forte’,che non ti renderà la vita del tutto agevole. Ma sono sicurissima che ti sei contento così.Oviamente io parlo di prog e di ciò che scrive, non cnosco Marco. ciao

  20. 18 giugno 2009 alle 17:22

    Good Morning 🙂 ( im still alive 🙂

  21. 18 giugno 2009 alle 18:40

    Pensieri che si ripresentano come gli uccelli migratori, a branchi. Ciclici. Cerchi di ignorarli ma quando finisce la giornata, finiscono anche le scuse per non ascoltarli.

    Fa strano vedere, come a volta certe cose non le provi solo tu.

  22. 18 giugno 2009 alle 19:50

    Come ti capisco…ma non porti molti problemi continua per la tua strada a testa alta.Un caro saluto.

  23. gaz
    18 giugno 2009 alle 22:14

    Grazie Prog, per riuscire a catturare l’attenzione, a non far scivolar via la pagina veloce, grazie perchè leggerti è trovare anche i miei dubbi e le mie contraddizioni e cercare di capirti è uno sforzo che vale!
    Ciao e a presto!

  24. 19 giugno 2009 alle 12:49

    Contorto si, privo di contenuti no, non lo penso affatto. Mi incuriosisce molto leggerti perchè offri spunti a serie riflessioni. E’ cosa già detta, lo so, ma è quello che credo anch’io.

  25. 19 giugno 2009 alle 18:06
  26. 21 giugno 2009 alle 15:39

    x Rom
    c’è una fine eppure non riuscirai a capire nulla perchè probabilmente un senso non c’è. La cosa e finibile ma è oltre me. Mi sto arrendendo alla Cosa. Forse un dejavu del film “The thing”?
    Non combattere la cosa perchè è già dentro te!

    x Aleph
    niente falsa modestia, lo penso davvero. La mancanza di contenuto è ormai ossessione. Mi sento aspirato nel vuoto. Il vuoto è una metafora costante ogni riga che scrivo. Tutto è solo forma quando si monologa, quando i ponti si distruggono, quando non c’è reale comunicazione. E non è un peccato, non fa veramente nulla concludere una cosa che è mai iniziata.
    La cattiveria sui blog è solo il distillato di quella reale. Comunque nell’opera omnia parlo sopratutto di quella virtuale.
    Marco assomiglia a Prog ha la stessa insensibilità che può essere scambiata per sensibilità

    x Nemesi
    anche a me crea un certo effetto straniante

    x frufrupina
    mi sento più portato a pormi sempre più problemi, meglio farlo volontariamente che essere presi a sorpresa

    x Angelo
    ribadisco quanto ho detto ad Aleph, i contenuti non ci sono, non ci possono essere, l’opera omnia lo dimostra palesemente!

    x lefty
    se continui a leggermi assiduamente lo stress salirà sempre più…

    x Gaz
    grazie a te. Condividere contraddizioni è il meglio che possiamo fare

  27. Anonymous
    3 novembre 2009 alle 08:54

    Perche non:)

  1. No trackbacks yet.

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: