Home > politica, società > Questo post è riservato esclusivamente a lettori razzisti

Questo post è riservato esclusivamente a lettori razzisti

In memoria del defunto
articolo 3 della Costituzione italiana.
E’ stato semplice amarti,
impossibile dimenticarti.

Il primo periodo di questo post è riservato esclusivamente a lettori italiani da 3 generazioni, bianchi, eterosessuali, cattolici

Non c’è l’ho con un razzista che vuole creare vagoni della metro riservata ai milanesi.
Come i nazisti, gli afrikaner (i sudafricani bianchi creatori dell’apartheid), i membri del KKK, i vari movimenti xenofobi sparsi nel mondo, è soltanto un frustrato, angosciato da paure paranoiche, colmo di disprezzo per ciò che giudica diverso.
Molta più rabbia mi fa chi concorda con lui. Le masse silenziose che covano razzismo e votano partiti i cui esponenti lanciano con semplicità deliri razzisti. Il singolo cretino non è mai pericoloso, pericolose sono le masse accecate dall’odio che si riuniscono dietro una bandiera, in questo caso verde, per creare una società di puri e impuri, di uomini con diritti e paria. Pericolose sono le maggioranze silenziose che si girano dall’altra parte, che non sentono, non vedono, non si preoccupano, non si indignano, non protestano.
Una società che vuol separare i vagoni della metropolitana, vuole separare i milanesi dagli “altri”, vuole separare gli onesti cittadini italiani… lombardi… milanesi… dai pericolosi stranieri… migranti… clandestini… (e quindi delinquenti).
Separare. Non è grave, vero?
A voi il giudizio, vi ricordo che apartheid in lingua afrikaans vuole dire separazione
E non vi tranquillizzi che un simile orrore venga da una movimento politico greve, fatto di zotici ignoranti senza cultura. Sembrano folklore, sembrano decerebrati quando sfiorano il grottesco come le crociate anti-kebab. Ma sono, proprio per questo, terribilmente pericolosi

Il secondo periodo di questo post è riservato esclusivamente lettori italiani da 5 generazioni, bianchi, eterosessuali, cattolici praticanti con almeno 3 figli, che votano a destra

Si potrebbe fare un foto album del razzismo normalizzato, quello da famiglie sane che vogliono proteggere il futuro dei figli, quello di ariani che vogliono salvaguardare le tradizioni nazionali, quello di Nazione che vuole preservare la propria identità.
L’album che dice questo negozio è di ebrei, la stella a sei punte da esporre per riconoscere il nemico, il non si affitta ai meridionali, le croci che bruciano, le scuole, i bus, le panchine riservate ai bianchi, uomini con cappucci bianchi, leggi italiane del 1938, le case popolari agli italiani…
Continuate voi.
O magari pensate, seriamente che l’Italia è un paese tollerante? Suvvia, non prendetemi in giro, nella più benevole delle ipotesi, l’Italia è un paese indifferente che è cosa diversa e pericolosamente confinante con il razzismo.

Il terzo periodo di questo post è riservato esclusivamente lettori italiani da 10 generazioni, bianchi, nati nelle regioni del nord Italia, con i capelli biondi, gli occhi azzurri, alti almeno 1.80m. eterosessuali, cattolici praticanti con almeno 5 figli, che votano partiti filo-fascisti

State attenti a sentirvi puri e quindi a invocare la purezza perchè, prima o poi, arriverà qualcuno che avrà qualche requisito di purezza maggiore di voi, sarà più ariano di voi, e si sentirà in diritto di discriminare anche voi, segregarvi, eliminarvi.
Separarvi dagli altri.
Separarvi da quella che credevate la vostra famiglia, la vostra nazione, la vostra comunità.
Attenti, non si è mai abbastanza puri in un paese di razzisti. In un paese razzista c’è sempre il rischio di essere l’obiettivo di una separazione sempre più rigida e selettiva.
Se accettate questo, se volete questo, un giorno il grido “Raus!” non sarete voi a urlarlo ma a sentirlo.

[questo post è stato riproposto da Campoantimperialista]

Annunci
  1. 9 maggio 2009 alle 17:27

    La battutaccia del caro Salvini è’ solo una provocazione buttata lì in campagna elettorale. La cosa preoccupante, come scrivi anche tu nel post, è che con queste dichiarazioni che la Lega aumenta i propri voti.
    Buon fine settimana!

  2. 9 maggio 2009 alle 18:02

    Rido…giusto avantieri ho fatto un post per lo stesso problema su facebook (lo so, ho appena perso punti adesso:( ). Ormai apro facebook, solo per giocare con Biotronic…ma già che c’ero ho fatto questa nota…perchè la Raffaella Piccinini , cioè la scrittrice taxista che ha lanciato questa proposta è tra i miei amici. La leggevo su Splinder. Sono rimasta di stucco e le ho chiesto di darmi delle spiegazioni. Non mi ha ancora risposto e se non mi risponderà entro domenica la cancellerò dai miei ‘amici’. Che ci si venda anche il culo per guadagnarsi un posto al sole è cosa ormai risaputa. Ma che si scenda a QUESTI LIVELLI è INACCETTABILE PER ME! Non stiamo andando avanti, ma inesorabilmente indietro. Un tempo i bianchi erano separati dai neri…oggi si vogliono risolvere determinati problemi con leggi che ci collocano al primo posto della classifica dei ridicoli. Ridicoli e razzisti!
    Comprendo che ci siano reali problemi sui vari tram e similari…che ci si mettano allora dei poliziotti e che si obblighi soprattutto la gente a pagare il biglietto. Tutto il resto è solo cacca!!!

  3. 9 maggio 2009 alle 18:30

    Tra Salvini e “il popolo”, quello che porta io voti, ci sta il mondo politico, della sua maggioranza in particolare, e la stampa. Trovo, per usare un eufemismo, debole la risposta che ha ricevuto. Credo che dovremmo pretendere le dimissioni di simile figuro: mi pare il minimo. Se di provocazione si tratta, che coerentemente paghi le sue provocazioni. Provocazioni senza rischio si dovrebbero chiamare piuttosto “ballon d’essai”: vediamo un po’ che succede. Io gli direi: succede che adesso te ne vai a casa, razzistello d’accatto.

  4. 9 maggio 2009 alle 18:49

    Purtroppo ha ragione ‘il poeta’, e a suon di queste che voi chiamate ‘provocazioni’, ma conoscendo i tipi non lo sono affatto,che la lega è cresciuta a dismisura. Perchè la gente in cuor suo è d’accordissima con l’apartheid dei brutti sporchi e foresti, e se qualcuno lo dice al posto loro, mettendo così la coscienza a posto dei singoli,ne è ben felice. Dopo tutto se vogliono mettere i bambini in classi a parte, a maggior ragione si devono separare i loro genitori.
    PS. un commento sulla costruzione del post: bello l’espediente che hai usato.

  5. 9 maggio 2009 alle 19:29

    si è sempre stranieri di qualcuno. e si è sempre a Sud di qualcun altro.

    Tutto è relativo.

  6. 10 maggio 2009 alle 11:02

    Il famoso “Divide et impera”, ma non è solo questo.
    Calunnie, apartheid … non appartengono più solo ad una storia lontana, sono qui – tra noi – ad incentivare odio.
    Non siamo tutti fratelli come insistono a DIRE i cattolici.
    Siamo di razze diverse e questo è tremendo per i cerebrolesi che sono al governo e per coloro che li votano e quasi li ringraziano di esserci……….

  7. 10 maggio 2009 alle 12:59

    Dopo questo post, non mi stupirei se scoprissi che sei “negro”.
    Vorrei concludere il commento con un gioioso e folkloristico “va a lavura terrun” … ci sta sempre bene in questi casi.
    < HREF="http://movimentoparaculo.blogspot.com/" REL="nofollow">SIEG HEIL!<>

  8. 10 maggio 2009 alle 20:43

    Maroni ha detto oggi con molta soddisfazione che continuando con questa linea dura faremo passare la voglia a qualunque migrante di avvicinarsi alle nostre coste…E’ sempre più difficile assistere impotenti a questa barbarie. Un abbraccio Prog

  9. 11 maggio 2009 alle 09:43

    Proposte pericolose che germogliano fra la gente la “paura” dello straniero. Che cozzano con l’integrazione e soprattutto che insinuano che solo le persone che vengono da fuori delinquono (complice la stampa che non manca di enfatizzare i casi in oggetto sorvolando spesso su quelli “fuori schema”) 😦
    W l’articolo 3

  10. 11 maggio 2009 alle 09:51

    “Se ti do tre negri tu che mi dai?” – Chiese.
    “Beh dipende… vivi o morti!? – Gli ribattè l’altro.
    In fatto di affari i due non erano secondi a nessuno.

    un atroce saluto da altrove a te prog
    un cronista

  11. 11 maggio 2009 alle 09:52

    Ricordo che verso la fine degli anni ’80,quando la lega era ancora “Lega Lombarda”,venendo dal piemonte e attraversando il Ticino(Fiume che divide piemonte e lombardia) sopra ai piloni di ingresso al ponte regnava sovrana una grande scritta:FUORI I TERRONI DALLA LOMBARDIA…firmato lega lombarda.

  12. 11 maggio 2009 alle 11:49

    E’ impossibile dissentire, caro amico.
    Il nostro Paese è popolato da una maggioranza di teleassuefatti, di ipnotizzati, di letteronze-dipendenti, di puttanieri, di mafiosi, di ricattatori e ricattabili, di vermi polemici.
    I gangster al governo, la Jena Ridens e la mafia che lo appoggia, sono causa ed effetto di questa popolazione.
    La violenza occulta nell’apparente quieto vivere sta raggiungendo livelli inquietanti.
    Che fare ?

  13. 13 maggio 2009 alle 11:12

    L’indifferenza uccide, un grande cantautore e poeta diceva: “anche se
    voi vi credete assolti siete lo stesso coinvolti”.

    Un ignorante trova sempre un altro più ignorante che lo ammira.
    gio

  1. No trackbacks yet.

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: