Home > politica > Se un permesso di soggiorno costa 200 euro, secondo me con 20.000 euro si potrebbe vendere la cittadinanza

Se un permesso di soggiorno costa 200 euro, secondo me con 20.000 euro si potrebbe vendere la cittadinanza

Sono un duro” fa capire qualcuno, “sono un puro” si vanta qualcun’altro.
Nessun compromesso mai.
Io amo la mia patria si dice a destra.
Io amo la Padania si dice ancora più a destra.
Fuori i clandestini”,
Mai più clandestini” dicono i manifesti.

Irremovibili. Dicono clandestini ma in realtà non hanno grande simpatia per gli immigrati tout court
Da opposizione promettevano che avrebbero fatto cessare gli sbarchi: nel 2008 sbarchi aumentati del 75%.
Promettono carceri, espulsioni, reati. E fanno finta di credere a queste promesse pensando di fermare i popoli con le parole.

La tassa sugli immigrati è la novità di oggi.
Prima no, ora sì, fra un pò chissà…Ma conta l’idea!
Questo repentino mutamento di giudizio perché questo Governo di idealisti ha principi inamovibili ma contrattabili per 200 euro.
Se mettiamo sul piatto i soldi allora possiamo accettare anche gli immigrati quelli che vengono a lavorare, a fare i lavori sporchi che gli italiani specchiandosi nelle loro lauree, non vogliono più fare. Paghino per lavorare!

Ma sì! Non fate le anime belle! Ogni cosa ha un prezzo. Se un permesso di soggiorno costa 200 euro, secondo me con 20.000 euro si potrebbe vendere la cittadinanza.
Siamo solo puttane, facciamo tutto, è solo questione di prezzo.
È solo un fatto di soldi perché finalmente viviamo nella felice e ottimista seconda repubblica.
La repubblica delle famose 3 I:
intolleranza, indifferenza, indigenza.

Commenta e vota il post su Agora Vox

Annunci
  1. 13 gennaio 2009 alle 20:38

    Non possiamo fermarli?be allora facciamoli fruttare,recuperiamo qualcosa per le spese burocratiche,il fatto è che questo non riguarda i clandestini ma esclusivamente quelli che vogliono essere in regola.Quindi come succede anche per noi italiani pagano solo gli onesti.

  2. 13 gennaio 2009 alle 23:25

    E pensare che dal titolo io avevo capito che proponevi di vendere la propria cittadinanza italiana per 20 mila euro. Io la mia la venderei.E’ una proposta da far valutare al prossimo giro, dal governo in carica.Tando Destra e Sinistra è la stessa cosa

  3. 13 gennaio 2009 alle 23:28

    Non poniamo limiti alla provvidenza…tra un pò gli extracomunitari saranno dichiarati ufficialmente merce.😦

  4. 14 gennaio 2009 alle 01:49

    che idiota Bossi

  5. 14 gennaio 2009 alle 07:36

    Vedo e rilancio: oltre ala propostona dei famosi 200€ (in effetti erano 50€, Marono voleva fare lo sconto, ma siccome protestiamo allora si torni ai 200€), dicevo, oltre a questa propostona, c’è anche quella di aumentare le tasse per gli immigrati, in regola ben inteso, che intendano aprire partita IVA. Siccome, da un recente studio, l’imprenditoria legata agli immigrati è l’unica che, negli ultimi anni, ha portato un utile sensbile in Italia, direi che, quanto meno, ci stiamo tirando il martello sui piedi… e mi pare un martello bello grosso.Per fortuna che ci sono Maroni & Co che poi andranno a pulire le strade, a lavorare a stagione nei campi, a tirare le linee di produzione nelle fabbriche, ecc, ecc, ecc. Una volta erano i Terroni, ora gli immigrati.Questa gente ha solo paura di se stessa, le serve solo un capro espiatorio.Saluti

  6. 14 gennaio 2009 alle 08:24

    Come contraltare va lanciata seriamente una campagna antileghista con gli stessi sistemi di propaganda che creano loro. E fare come quelli che: si, chi siete, dove andate, un fiorino!

  7. byb
    14 gennaio 2009 alle 10:38

    mi era sembrato tanto una cavolata, utile solo a ridurre il flusso dei regolari, per incrementare quello dei clandestini e poi a lamentarsi dei clandestini irregolari, i quali (a detta degli stessi propositori) senza alternative legali finiscono poi a delinquere ( ma non è la prima legge proposta da quelle parti che porta a questo; in fondo poi l’insicurezza nelle strade e nelle case porta voti ai partiti che predicano più sicurezza ).mi era sembrato tanto una cavolata, da non cogliere neanche l’aspetto “più sicurezza, meno immigrati. ma se pagano gli lascio pure mia moglie, mia figlia, mia madre”ah, ho citato < HREF="http://gb1980byb.blogspot.com/2009/01/quanto-cosa.html" REL="nofollow">qui<>.

  8. 14 gennaio 2009 alle 12:08

    Beh… perchè no?Un tariffario dell scartoffie. Così finalmente si potrebbe dare un senso alla Burocrazia! 😉Non storcete il naso: tutti paghiamo qualcosa, in termini anche più pesanti di quelli economici, per mantenere lievemente intatti i nostri diritti. Pagare una tariffa per ottenerne altri è quello che facciamo dalla mattina alla sera.Non tanto in Italia, ma in veri mostri della democrazia come gli USA, ad esempio…Ma sì…

  9. byb
    14 gennaio 2009 alle 12:28

    ma il contributo alle spese di burocrazia, non sono già comprese nei bolli e ribolli che si pagano per praticamente per ogni documento?se questo fosse un contributo alla burocrazia, dovrebbe essere chiamato con il nome corretto, e non tassa.e comunque, quali contributi alla burocrazia raggiungo cifre così elevate?

  10. 14 gennaio 2009 alle 13:23

    Sono pochi…. 50.000 e ci sto!Battute a parte, certe assurdità lasciano veramente allibiti.Tra l’altro pensavo che in caso davvero quella proposta passasse, si scatenerebbe un mercato nero da paura!!!

  11. 14 gennaio 2009 alle 18:55

    Ho solo il timore sia la solita fuffa di destra. Se fosse vero appoggerei certe scelte ma, aimè, mi fanno ricordare quando uscirono con quella cazzata sulla clandestinità come aggavante. Beh nei fatti era impraticabile e ce la vendevano per buona… Ecco non vorrei fosse la solita presa per il culo.Se fosse vera invece, sarei pienamente a favore.

  12. 14 gennaio 2009 alle 21:49

    Quanto sia patetica la lega è risaputo…Questa è una speculazione bella e buona…Immigrati come fonte di guadagno per lo stato..Che tristezza. Un saluto

  13. 15 gennaio 2009 alle 11:22

    Io sono a favore della tassa.Ho lavorato in paesi come l’India e pagavo la mia tassa per il visto, negli USA pure, ora vivo e lavoro in Brasile e ogni anno spendo per la mia tassa, i documenti e altre cose relative alla mia permanenza e non sono 200 euro ma molto di più. Spero non sia una boutade ma che la facciano pagare. Ci sono dei costi burocratici che non si possono esentare. Del resto se io come Italiano chiedo un rinnovo di passaporto o patente al mio consolato e pago perchè gli altri no 😀

  14. eni
    3 luglio 2009 alle 00:22

    bossi ma sei pazz0?un soggiorno 200 euro?lo sai quando pago io?200 e me lo danno scaduto e mi riddono in faccia.io studio qua,non lavoro,ma secondo voi e giusto?spendo 800 euro al mese pago le luci, tasse e pago anche l”affitto,faccio la spesa e dando soldi ad italia?il mondo sta andando avanti e litalia e ferma.a praga avvevano delle forte regole ma non ti davano il permesso scaduto.apparte che per un mese era pronto ma avvevano per diritto di trattarti con nobilta.ho capito che troppi stranieri stanno arrivando ma piuttosto bloccate le frontiere non mettete dei vincoli.alla fine chi soffre sta cosa?non siamo bestie ma esseri umani.perche danimarka,uk,e altri paesi non fanno come litalia?forse perche hanno due grammi di cervello in piu.non ce nessuno che puo fare una magia nera a bossi?alla fine penso che litalia non e giovane ma comandano i vecchi!!!!!!!

  15. eni
    3 luglio 2009 alle 00:23

    brazoka sei un ignorante!!!!studia di piu!!!leggi di piu!!

  1. No trackbacks yet.

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: