Home > politica > Social card e bonus: gli spot di un Governo-Casinò

Social card e bonus: gli spot di un Governo-Casinò

Social card, tessera sociale in italiano, suona bene. Suona moderna, sembra accattivante.
Internet, inglese e impresa” diceva lo sloganista di Governo (una slogan più veritiero e aggiornato potrebbe essere “Indigenza, impotenza e incoerenza“).
E’ coerente. L’avesse chiamata tesserino di povertà non avrebbe avuto l’oceanico consenso popolare che i suoi fidi hanno proclamato (consenso bulgaro?).
Ma non bastava.

Il marketing del Popol Vuh delle libertà (loro) ha ben pensato che c’era un’altra parola che sembra magica. Stavolta peschiamo dal latino (ma tranquilli è adottata anche dall’inglese) Allora arriva il bonus straordinario.
Il dizionario ci dice che bonus è ciò che viene dato in aggiunta a ciò che spetta di diritto“.
Accezione positiva: qualcosa in più. Ma non dovuto. Qualcosa che viene dato per liberalità. quindi. Per un’azienda privata ha un senso, per uno Stato meno.Appena ho vista la parola bonus mi è subito venuto in mente lo spam dei casinò on line: “al primo deposito bonus del 300%”.

SPOT: – Gira la roulette se sei abbastanza povero potrai vincere il super bonus del People of freedom!!!

Uno spot quello dei casinò.
E quello del Governo?
Il bonus è temporaneo, straordinario quindi una tantum, una boccata di ossigeno.
Per definizione un intervento tappabuchi, una non-soluzione, l’ammissione dell’incapacità di proporre soluzioni strutturare.
Lo schema è trito, paternalista e assistenziale. Assomiglia tremendamente alla politica degli stati ricchi verso il terzo mondo: sostegno e carità senza seminare per lo sviluppo.
La destra italiana sembra accontentarsi così di alimentare il terzo mondo in casa.

Nessuna soluzione di sistema per arginare l’impoverimento generale, il decadere del potere di acquisto dei dipendenti e dei pensionati. Solo spot demagogici e soldi (non molti) a pioggia che spariranno in fretta e lasceranno i noti problemi della quarta settimana.

Io ritengo che i bonus e le card non rappresentano una politica sociale ed economica e il fatto che la crisi in atto sia grave non giustifica una resa incodizionata a soluzioni improvvisate ed estemporanee.
Sono scelte che ledono la dignità dei cittadini: il bonus, come abbiamo visto, non spetta di diritto, è una improvvisata regalia, un grazioso surplus, un’elemosina demagogica.
I cittadini necessitano diritti: stipendi e pensioni che garantiscono la dignità e che non costringano ad aspettare la “generosità” del governo di turno.

Queste presunte soluzioni alla crisi, ideate da un governo che alla fine di tutto rimane ottimista e invita a non abbandonare le proprie abitudini al consumo per il bene della Nazione (e consumate dai!, non fate gli spilorci) sembrano veramente una provocazione al buon senso di chi combatte ogni giorno per fare quadrare il proprio bilancio familiare.

La storia ci racconta che gli imperatori romani, per conservare un effimero consenso, facevano distribuire il pane alla plebe mentre l’impero andava in rovina…

Annunci
  1. 28 novembre 2008 alle 21:19

    Poi a quanto pare la Mastercard per questa operazione ci guadagnerà svariati milioni di euro. Invece di aumentare gli assegni familiari, detassare le tredicesime o aumentare le pensioni si fa l’elemosina.

  2. 28 novembre 2008 alle 21:51

    Un vero capolavoro di post.Che, oltre a tutto quello che hai scritto tu, fa pensare a come mai nessuno dell’opposizione riesca ad arrivarci ;(Ciao!

  3. Anonymous
    29 novembre 2008 alle 10:28

    lucido, puntuale. l’intelligenza sta diventando rara e quando la si incontra è un raro sollevo. grazie

  4. 29 novembre 2008 alle 10:31

    Grazie anonimo! Torna a trovarmi

  5. 29 novembre 2008 alle 11:31

    Sono misure di pura demagogia, inutili soluzioni tampone.Panem et Circenses…. ma presto temo che il primo inizierà a scarseggiare, se già così non è.Sicuramente, per molte famiglie di italiani, mancano i soldi per comprarlo arrivati alla terza settimana…

  6. 29 novembre 2008 alle 11:50

    PS: mi sono permesso di linkare il tuo blog.CiaoDaniele

  7. 29 novembre 2008 alle 12:07

    x Rockpoeta:ti ringrazio molto,anch’io mi sono “permesso” (con molto piacere) di aggiungerti al mio blogroll.A presto

  8. 30 novembre 2008 alle 15:55

    omplimenti!!!!

  9. 30 novembre 2008 alle 15:56

    Non sono toscano…è che mi è scappata la C!!!

  10. 30 novembre 2008 alle 16:32

    Con o senza C, grazie evergreen!

  1. No trackbacks yet.

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: