Home > questioni private > Cosa posso dire?

Cosa posso dire?

Periodo strano dove il lavoro ruba troppo tempo alla vita mentre il mondo, là fuori sembra precipitare. Le vacanze in terra nord africana sono già sfocati ricordi.
Tutto di corsa. Efficiente vai, organizzi, programmi, ti sposti, incastri gli avvenimenti.
Ottiene anche una gratificazione data dall’illusione del controllo. Ti inganni felice di pensare di guidare gli eventi e di indirizzare il tempo della tua vita.
E sei così immerso dentro le cose che la loro totale mancanza di significato comincia a sfuggirti . Magari la sera, prima di addormentarti pensi “ora non ho tempo – ti dici – ma appena mi libero un pò mi concentro e il senso lo faccio emergere, ora è solo nascosto dalla nebbia della fretta e della stanchezza”.
Piccole bugie che ti fanno andare avanti. Avanzi lineare, finché non inciampi.

Arriva la morte di una persona giovane e vitale che vedevi tutti i giorni.
Osservi da lontano un dolore che non ha giustificazione e che non puoi accettare.
Mastichi amaro quasi incredulo davanti all’osceno teatro dell’orrore che nessuna intelligenza superiore avrebbe mai potuto neanche immaginare.
Guardi disincantato l’altrui ipocrisia, pietà, comprensione, amore, empatia, dolcezza e fatalismo.
E tutto sembra sensato, a prima vista. Ma, dentro, sai che non è vero.
E’ solo il sabba sgangherato di una società che non ha risposte alle domande più dure e si accontenta di bugie di comodo che nessuno contesta.

Tutto così umano. Le lacrime, la polvere, le medicine, i fiori, il legno.
Echeggiano le umanissime parole di accettazione e consolazione, riecheggia un bisogno disperato di divino.
Più aumenta il dolore e la disperazione, più sembra necessario aggrapparsi alle speranze ultraterrene.

Io, adesso, che non mi sento umano,
io, adesso, impermeabile all’ultraterreno,
io,
adesso,
cosa posso dire che non sia insopportabile retorica?

Annunci
  1. Anonymous
    13 ottobre 2008 alle 07:48

    La morte di una persona vicina dovrebbe dare PIU’ senso alla tua vita, non meno.Perchè solo quando una cosa ci scuote COSI’ tanto, riusciamo ad allontanarci dagli automatismi quotidiani e riusciamo a vedere le persone per quello che sono: fragili, inconsapevoli. E questo suscita in me un atavico istinto di protezione verso di loro. Verso di loro, così inconsapevolmente sognanti.Non dire nulla, sorridi. Pupazza

  2. 13 ottobre 2008 alle 11:38

    nulla. sebbene sia molto difficile, credo Pupazza abbia ragione. Tuffarsi nella vita è l’unica cosa possibile da fareOltre ad accettare il dolore, la paura, il senso di assurdità

  3. 13 ottobre 2008 alle 20:01

    guarda che il senso della vita puoi non trovarlo mai,ma la morte un senso lo ha sicuramente.A volte arriva troppo presto e questo ci sembra ingiusto * la morte di un giovane è un naufragio la morte di un vecchio è l’arrivo nel porto*

  4. 14 ottobre 2008 alle 22:42

    Ciao, mio malgrado qualcosa mi costringe a promuovere una iniziativa contro la Riforma Gelmini che mira a distruggere la scuola pubblica ed a creare migliaia di disoccupati. Troverete da me i link per sottoscrivere una petizione e per inviare una mail al Presidente della Repubblica…Continuiamo a far “RETE”… Aiutatemi a diffondere il messaggio!!!A presto 😉

  5. Anonymous
    19 ottobre 2008 alle 15:19

    La morte non è mai gratuita.Il conto è alto, a volte altissimo.Cerco un cambio di prospettive per non affondare.Cerco un coraggio che ieri non avevo, per dare voce a ciò che bolle, silente.Cerco un raggio che illumini, che mi indichi che non va tutto perso, che non siamo solo un soffio, un passaggio leggero.Cerco, vivo, sogno, ricordo, piango. Mi aggrappo a momenti vividi, a percorsi, a parole dense, a pelle che tocca pelle.Probabilmente sono ancora viva.L.

  1. No trackbacks yet.

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: