Home > attualità > In che pianeta si è trasferito il Vaticano?

In che pianeta si è trasferito il Vaticano?

La Chiesa cattolica è un’istituzione in affanno. I musulmani, a livello mondiale hanno superato i cattolici. A livello europeo e, più ampiamente, di primo mondo, la Chiesa continua a denunciare, come un pericolo, la laicizzazione e le secolarizzazione della società.
Tradotto significa che, al di là di quanto viene dichiarato nel censimento delle religioni, le persone non mettono in pratica i precetti della religione cattolica. Le chiese sono vuote, le vocazioni per diventare sacerdote sono pochissime e, per la maggior parte da paesi del secondo e terzo mondo (“le chiese rimangono vuote, le messe pressoché deserte, il clero in estinzione”), i matrimoni tracollano in favore delle convivenze, chi si sposa non si presenta, nonostante l’abito bianco, vergine al matrimonio, i divorzi aumentano, la contraccezione è universale e massiccia, l’aborto è legale, ecc.

La Chiesa vede tutto questo e si lamenta, lancia proclami e anatemi. Continua bigottamente a considerare peccaminosi atteggiamenti ormai considerati assolutamente naturali e inoffensivi. Non compie il minimo sforzo di comprensione dei fenomeni, anzi, ha scelto una strada oltranzista e tradizionalista. Si sente in pericolo è la difesa che ha scelto è quella della chiusura a riccio, isolati in un castello assediato.

Continuano a riaffermare dogmi ormai incomprensibili nella società del 21° secolo. Ma che credibilità ha una istituzione che nel 2008 dice stop a “divorziati e unioni civili”? Come può pensare realisticamente di reintrodurre il matrimonio indissolubile?
In che pianeta si è trasferito il Vaticano?
Distaccarsi dalla realtà non ha mai salvato nessuna istituzione, è la strada per essere travolti. Sembra che la nuova strategia sia la purezza dei vecchi dogmi a costo dell’impopolarità. Una scelta curiosa da parte di una religione che ha scelto il perdono come fondamento e invita a porgere l’altra guancia. Una scelta che si può dire fondamentalista. Forse la Chiesa cattolica invidia questa caratteristica di parte dell’islamismo? La ritiene una scelta vincente?

È di ieri la notizia che il Papa ha ribadito la difesa della messa in latino. Una scelta sinceramente insensata e retrograda, il riproporre una scelta spocchiosa che non so con quale ragionamento possa favorire l’avvicinamento dei fedeli. O forse si pensa che vista la predicazione sempre più debole, il fatto di non essere compresa possa essere d’aiuto?! Ri-acquisire l’antica autorità grazie alla forza misteriosa della lingua liturgica che, essendo incomprensibile ai più, creerà di nuovo riverenza e fede?

La Chiesa, se vuole sopravvivere, dovrebbe prendere la strada della modernizzazione, del ripensamento di regole e morali ferme a 2000 anni fa. Da sempre tradizionalista vorrebbe un’umanità ferma e immutabile vogliosa di seguire precetti reazionari. Invece il progresso è sviluppo del pensiero e della morale. Il diritto e la società, lentamente ma inesorabilmente, prendono atto dei cambiamenti sociali e vi si adattano.
La religione no!
Resta ferma e ulula alla luna quando vede i suoi seguaci scappare in avanti. Non riuscendo a capire che, semplicemente, è lei che è rimasta indietro.

Annunci
  1. 15 settembre 2008 alle 11:01

    Premessa necessaria: come molti in Italia ho ricevuto una istruzione cattolica ma non sono praticante da anni e di quello che dice il Papa me ne frega pochissimo.Sulla questione da te posta ritengo che tu abbia ragione, dipende da cosa si intende per modernizzazione. Ritengo che la Chiesa abbia il ruolo di guidare i propri fedeli, non di inseguirli e di adattarsi ai nuovi costumi come fosse una azienda di cosmetici. Adattarsi al modo di vivere e pensare generale vorrebbe dire scardinare i dogmi sui quali la Chiesa si fonda, sminuirli, far passare il messaggio che sono negoziabili, mentre non lo sono affatto.L’ errore che la chiesa compie verso l’uomo moderno è non spiegare il valore di certi suoi messaggi, il perchè di determinate asserzioni e continuare a richiedere atti di fede e basta. Dovrebbe avere il coraggio di dire ad esempio cosa la preghiera in latino produce (energie positive, come un mantra, che invece è disperso se detto in mille lingue), dire il perchè del matrimonio, il fine ultimo, che c’è e lo sanno bene.E’ questa ritengo la concessione che dovrebbe fare verso la modernità: ammettere a se stessa che l’uomo moderno ha sete di sapere e di conoscere e non si accontenta di seguire cose che non comprende più. Lo facesse sono certo che molti tornerebbero a sentire la cristianità come cosa viva.

  2. 15 settembre 2008 alle 17:21

    Sono consapevole che i dogmi sono tali, non modificabili o modernizzabili ma ritengo che su molti temi sociali alcune confessioni riescano a dare risposte moderne alle domande antiche.In ogni caso mi piacerebbe vedere una apertura mentale diversa, una voglia di confronto, di comprensione e tolleranza per chi sbaglia. Mi sembrerebbe coerente con il pensiero cristiano, differentemente dal negare, chiudere e scomunicare.Grazie del contributo

  3. 15 settembre 2008 alle 19:34

    Tutte le tue domande (retoriche) sono azzeccate e pertinenti, il problema é che gli stessi praticanti, salvo rarissime eccezioni, invece di frenare dal di dentro questa deriva reazionaria, la assecondano come una massa di decerebrati fondamentalisti…

  4. 15 settembre 2008 alle 20:20

    sì, ma ci vorranno cmq secoli prima che molli la presa.E poi, lui rappresenta le migliaia di teste bacate che gli danno corda. Sono loro il vero problemaOssequi. Osselì?

  5. 16 settembre 2008 alle 00:20

    perfetta identità di vedute.E credo che questo arroccarsi su posizioni assurde non faccia il bene nè dei laici nè degli autentici credenti.

  1. No trackbacks yet.

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: