Home > società > Vieni avanti, creativo! Gli effetti dei martellanti spot subiti dai viaggiatori in attesa dei treni

Vieni avanti, creativo! Gli effetti dei martellanti spot subiti dai viaggiatori in attesa dei treni

Se vi è capitato di frequentare le stazioni ferroviarie più grandi negli ultimi tempi avrete notato la diffusione di video spot: in ogni banchina sono installati, ogni 15 metri, sopra le teste dei viaggiatori in attesa dei treni dei televisori che mandano continuativamente 2 o 3 video spot al minuto. Sempre gli stessi.

Tra arrivo, partenze e cambi sono restato sulle banchine un paio d’ore negli ultimi tre giorni.

Questo vuol dire che mi sono beccato circa 250 spot ripetuti per gli stessi 4 prodotti.
A quei geni dei “creativi” non passa per la testa che questa grandine insopportabile e ripetuta dello stesso spot possa far venire in odio il prodotto sponsorizzato?

La prima volta può attirare l’attenzione, la 40° mi fa saltare i nervi! Mi sembra evidente anche se, ahimè, non sono creativo (citando un noto film, direi “Vieni avanti, creativo!”). Allo stesso modo cercare di imbonire un utente dei treni, solitamente incazzato per i ritardi e i disservizi, non mi pare, una strategia geniale.

Ma l’effetto collaterale peggiore è vedersi costretti a odiare la musica che accompagna la pubblicità.
Io mi sono sorbito diciamo 60 volte lo spot di una nota casa di cellulari che per lanciare il suo ultimo modello ha preso 10 secondi della romanza “Un bel dì vedremo” dalla Madama Butterfly di Giacomo Puccini (in versione remixata).
Ora al solo pensiero di quella (incolpevole) melodia mi scatta l’idrofobia, l’itterizia, la stipsi e tutte insieme!
Questa assurda coazione a ripetere mi fa venire solo voglia di sradicare a testate l’abominevole video-spot-monitor-ferroviario e, di sicuro, depennare il prodotto ad esso collegato da qualunque velleità di acquisto.
Riflettete, creativi!

P.S.: Odio fare pubblicità a chi non ha bisogno ma per capire cosa ho sofferto questo è il link dello spot su youtube: provate a riascoltare 50 volte di fila e ditemi se vi viene voglia di andare a scoltare la romanza o di acquistare il prodotto!

Annunci
  1. 31 agosto 2008 alle 16:29

    Odio la musica di attesa di Vodafone, ne scelgono di belle, ma se l’ascolti per 20 minuti sei fatto. Odio il gattino della suoneria, Virgola. Odio la demenza della stupidità

  2. Anonymous
    16 novembre 2009 alle 23:03

    Si, probabilmente lo e

  1. No trackbacks yet.

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: