Home > società > Le leggi fondamentali della stupidità umana

Le leggi fondamentali della stupidità umana

Recentemente ho letto “Le leggi fondamentali della stupidità umana” di Carlo M. Cipolla. Una lettura tanto breve, quanto illuminante (il consiglio va da sé…).

Vi riporto, tratte dal libro, le 5 leggi fondamentali della stupidità declinate dallo studioso:

Prima Legge
Sempre e inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero degli individui stupidi in circolazione

Seconda Legge
La probabilità che una certa persona sia stupida é indipendente da qualsiasi altra caratteristica della stessa persona, spesso ha l’aspetto innocuo/ingenuo e ciò fa abbassare la guardia.

Terza Legge
Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita.

Quarta Legge
Le persone non stupide sottovalutano sempre il potenziale nocivo delle persone stupide

Quinta Legge
La persona stupida é il tipo di persona più pericolosa che esista.

L’elemento della teoria di Cipolla che più mi ha colpito è la categorizzazione delle azioni delle persone sulla base delle leggi di cui sopra, per cui abbiamo solo, a seconda dei loro comportamenti, 4 tipologie umane:

Sprovveduto: chi con la sua azione tende a causare danno a sé stesso, ma crea anche vantaggio a qualcun altro;
Intelligente: chi con la sua azione tende a creare vantaggio per sé stesso, ma crea anche vantaggio a qualcun altro;
Bandito: chi con la sua azione tende a creare vantaggio per sé stesso, ma allo stesso tempo danneggia qualcun altro;
Stupido: chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita.

Ogni azione può essere valutata sotto il vantaggio/svantaggio a sé e agli altri e si può rappresentare su assi cartesiane come quelli in figura.

Devo dire che è una sistematizzazione del concetto veramente geniale e che mi sforzerò di tenere a mente nei miei giudizi. Mi farà da bussola per valutare, con coerenza, gli altri. Un ottimo metodo per imporsi onestà intellettuale.

Su questa base devo dire che ultimamante sto facendo delle cose che prima avrei considerato stupide ma ora secondo quanto ho imparato dalla lettura del libercolo, devo definire da sprovveduto.
Ma neanche. Un’azione che non porta nessun vantaggio né per me, né per altri come la vogliamo definire? Inutilità da sprovveduto intelligente?
La definizione non conta, ciò che mi tormenta è… perchè?
Perché, mi chiedo?
Sono quasi sicuro di appartenere al novero delle persone mediamente intelligenti… eppure ….
Sicuramente nel corso della vita tutti cadiamo in azione stupide, da sprovveduti o banditesche.
L’importante è che nel conteggio finale la media faccia prevalere le azioni intelligenti.
Ultimamente io tiro in serie solo azioni da sprovveduto.
Al riguardo, come direbbe Forrest Gump, non ho nient’altro da aggiungere, porca miseria!


[immagine tratta da http://utenti.quipo.it/base5/scienze/grafstupid2.gif]

Annunci
  1. 22 giugno 2008 alle 16:16

    io sono certo ti essere nel punto di origine degli assi cartesiani…!!!In bocca al lupo Prog! Si puo’ dire?Ad maiora!

  2. 22 giugno 2008 alle 16:21

    Modesto o illuso?Comunque facciamola schiattare ‘sta povera bestiola quasi estinta…E come mi hai detto tu, più che altro, a Maiori….

  1. No trackbacks yet.

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: