Home > politica > L’asfissia della torcia olimpica

L’asfissia della torcia olimpica

Il governo nepalese ha inviato personale militare sull’Everest in vista dell’arrivo della fiaccola olimpica, per impedire eventuali manifestazioni di protesta… 25 tra poliziotti e militari … hanno con loro armi e attrezzature e .. sono autorizzati ad aprire il fuoco se le proteste contro la Cina diventassero violente…

Per raggiungere la vetta dell’Everest è stata preparata una torcia speciale, con all’interno dell’ossigeno, perchè a quella altitudine non è possibile la combustione naturale” (tratto da www.lastampa.it ).


Non è significativo? La torcia olimpica giustamente sta morendo di asfissia.
È la metafora dei prossimi giochi olimpici. Non c’è ossigeno senza diritti. Nelle dittature manca l’aria. Il prossimo passo sarà la respirazione bocca a bocca, ma sembra un agonia irreversibile.
Che senso ha proteggere la fiaccola (simbolo di fratellanza e unione tra le genti) con le armi?
Si sta perdendo il senso di tutto. Rimangono solo forme senza significato.Il teatrino della fiaccola olimpica che gira il mondo è una tradizione che si sta rivoltando contro chi la voleva usare come volano pubblicitario. Infatti ormai è solo la miccia che diffonde globalmente la protesta contro un evento che si farà solo per interessi geopolitica ed economici, necessità di sponsor e tv, meschina pavidità da realpolitik, conclamata sudditanza da interessi economici globali.
Siamo di fronte all’evento mondiale dello SPOrt o dello SPOnsor?
La bandiera olimpica dovrebbe simboleggia tutti i paesi…ed è così! Tutti tranne uno.
I 5 colori degli anelli olimpici sono presenti nelle bandiere di tutte le nazioni, ma presto saranno a tinta unica, color rosso sangue, come la bandiera del paese ospitante.
Le imminenti Olimpiadi acquisiranno più significato solo se verranno introdotte nuove specialità sportive:

  • la fucilazione
  • la tortura
  • il genocidio
Gli altri sport sono obsoleti e non abbastanza competitivi per un gigante economico con un tasso di crescita superdotato.
De Coubertin, oggi, pensando al Tibet, direbbe: “L’importante non è vincere e sopravvivere”.P.S. Ti consiglio di leggere l’articolo: Proteste e arresti a Giakarta: prosegue la “via crucis” della fiaccola

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: