Home > questioni private > Gioie, domande e dubbi di chi cerca e di chi trova l’amore

Gioie, domande e dubbi di chi cerca e di chi trova l’amore

Sabato mattina con il sole, la primavera fa sbocciare i commenti come i fiori. Mi fa molto piacere!

Il mio post “Ancora, sempre e solo amore” post ha avuto questa gradita aggiunta:

Caro Prog e cara amica anonima il vostro dialogo, a distanza, emoziona.Condivido profondamente quello che scrivete… sono convinta che l’Amore lo si possa solo riconoscere, non trovare nè tantomeno scegliere come un’auto dal concessionario (…il modello più conveniente)Mi piace pensare che si manifesta come una corrente d’acqua calda, che ti attraversa in profondità e muta la temperatura del tuo mare interno…
E, magari – anzi spesso è proprio così – è diverso da come lo avresti immaginato, da ogni tua aspettativa: eppure sai che è lui.
Eppure eppure … una domanda. E’ possibile riconoscerlo quando abbiamo il cuore, l’animo appesantiti dai nostri schemi e desideri?

Può succedere di farsi trasportare dalla corrente nonostante tutti gli schemi. Può succedere anche alle persone fredde, a chi non credeva all’amore letterario, a chi razionalizzava i sentimenti, a chi ironizzava sui colpi di fulmine (parlo di me!).
Si può scoprire che i desideri che pensavamo di concupire non erano i nostri. In un attimo può cambiare la prospettiva. E non c’è bisogno di alcun sforzo, preparazione o aiuto. Accade.
Con una forza tale che non lo puoi non riconoscere (e che il bagaglio pregresso non può limitare) e con un tale impeto che accantonare schemi e desideri pregressi non porterà rimpianti o frustrazione.
Non si può desiderare prima perché ancora non lo si conosce, ma al momento diventa tutto chiaro. Forse è come il Tao (vaghe riminiscenze…).
Troppe certezze quindi mi fermo qui…
Fa più rumore una albero che cade, piuttosto che una foresta che cresce” (Lao Tze)
Forse non siamo capaci di amare proprio perché desideriamo essere amati, vale a dire vogliamo qualcosa dall’altro invece di avvicinarci a lui senza pretese e volere solo la sua semplice presenza” (Milan Kundera, L’insostenibile leggerezza dell’essere).
E ancora l’amica di ieri mi ha così risposto:

Sento qualcosa esplodere dentro me non posso trattenere l’emozione inaspettata che hai procurato al mio cuore in questo mattino che pensavo anonimo. Ti chiedo perdono per la passionalità che sto per estrinsecare. Sono una donna d’amore per questo comprendo il tuo sentimento riuscendo a farlo mio. Sento sulla mia pelle come una calda e sensuale carezza la tua passione il tuo desiderio di urlare al mondo ciò che sta accadendo proprio a te, quasi a volerne conferma. Amare non è da tutti è un dono immenso e quando ci tocca si raggiunge il nirvana facendoci godere come ricci direbbe un caro amico…
La poesia che citi di Fossati è stata la colonna sonora della MIA storia d’amore ed è vero ciò che dici, solo chi ha vissuto, non una storia ma “la storia” può comprendere cosa provi (non sono triste ma gioiosa). Però tu fa attenzione, per favore, fallo per me, fallo per noi, per chi ha rinunciato, per chi non ha compreso, per chi vive, per quegli amori già finiti, per chi deve ancora cominciare. Amala senza schemi senza inibizioni,con semplicità e sensualità.. L’amore è un sentimento semplice naturale che c’è o non c’è. Non servono strategie e non aspettare mai domani se hai voglia di dirle TI AMO.
Ecco vedi mi sono persa…è sempre cosi! Hei progvolution io ci credo, l’amore salva :). Ed è vero;…è stato meglio lasciarci, che non esserci mai incontrati…(FORSE!)

La tua elettricità su questo tema è pressante e manda possenti vibrazioni! La tua passione mi colpisce. Il tuo definirti “donna d’amore” mi fa capire l’intensità con cui vivi questo sentimento. Mi dai un ottimo consiglio, che seguirò. E ti assicuro che non userò mai strategie o artefatti o rimandi. Il segreto è la sincerità. Quando il sentimento è forte (riconosciuto), potrai dire “non ho voglia”, “oggi lasciami solo”, “oggi sei cattiva” e non sarà un momento di crisi. Perchè amarsi non vuol dire rendersi “ideali” infallibili ma affrontarsi.

Bisogna porsi all’altro nudi, senza maschere. Non nascondendo i dubbi, non camuffando le paure, non recitando il ruolo di amante romantico. Perché tutte le recite si concludono al secondo atto! Credo che tutti possano amare, non è un dono elitario non è un rifugio di saggi, è solo una strada tortuosa e non si vede cosa accadrà dopo le curve… ma non voglio dare lezioni. Non so nulla, non ho una teoria posso solo raccontare come lo percepisco.
Credimi ho solo emozioni e dubbi, nessuna certezza. Tranne forse che la bellezza salverà il mondo.
Forse è questo l’amore. E’ come la fede, vive di dubbi.

“Love is all around you, yeah yeah, love is knockin’ outside your door Waitin’ for you is this love made just for two Keep an open heart and you’ll find love again, I know It’s all around Love will find a way – darlin’, love is gonna find a way Find its way back to youLove will find a way – so look around, open your eyes”
Love Song, Tesla (The Great Radio Controversy, 1989)

[ottima foto Sabasan]

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Spazio al dissenso

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: